Visualizzazione post con etichetta autobianchi primula. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta autobianchi primula. Mostra tutti i post

giovedì 11 ottobre 2018

FURGONE MON AMOUR, E' IL TUO MOMENTO!

Simpatico e funzionale il furgone Fiat 238 prodotto dal 1967 al 1982.
Berline, spider, coupé, supercar, youngtimer… Di auto storiche ce n’è per tutti i gusti e tutte le tasche. Di ogni epoca, colore e motorizzazione. Ma vuoi mettere un bel furgoncino d’epoca…? Che stile, che praticità, che lentezza. E che rarità! Di Porsche ne è pieno il mondo: commercianti e annunci ne hanno di qualsiasi modello. Ma provate a cercare un bel furgoncino d’antan. La faccenda si fa dura.
Ai più viene subito in mente l’immarcescibile Volkswagen Transporter, che nella prima edizione ha ormai raggiunto quotazioni impegnative, ma anche la produzione nostrana ha almeno un paio di mezzi che possono solleticare la fantasia degli appassionati: i commerciali Fiat 850/900 T e 238. Hanno tutte le carte in regola per farti innamorare, così tondi e paffuti da trasmettere subito fiducia e simpatia.

martedì 2 aprile 2013

Autobianchi Primula

La versatile Autobianchi Primula

Squilla una voce nella grande sala dei tavoli da disegno. “Ingegnere!”. Dante Giacosa si volta riconoscendo Ettore Cordiano, caposervizio nel reparto Ingegneria avanzata della Fiat. “Si può fare – esulta Cordiano – abbiamo trovato la soluzione”. Dev’essere stata una gran bella giornata per Giacosa, già padre della Topolino, della 500 e della 600, che dal 1961 stava lavorando a una nuova piccola vettura “tutto avanti”, con motore quattro cilindri di 1.200 cm3 (nome in codice 103) derivato dalla Fiat 1100 D. Il problema rimasto insoluto, fino a quel fatidico giorno di febbraio del 1963, era quello di riuscire a montare il gruppo motore e cambio anteriormente in posizione trasversale, mantenendo le stesse dimensioni (e soprattutto il peso ridotto) della 1100 D. La soluzione scoperta da Cordiano era quella di ridurre lo spazio occupato dalla frizione.