Visualizzazione post con etichetta Trofeo A112 Abarth Yokohama. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Trofeo A112 Abarth Yokohama. Mostra tutti i post

lunedì 15 ottobre 2018

TROFEO A112 ABARTH YOKOHAMA 2018: VITTORIA DI SCALABRIN E PREMIAZIONI A PADOVA

Marco Galullo e Roberto Pellegrini quarti del Trofeo A112 Abarth 2018.

Il salone di Padova “Auto e Moto d’Epoca” ospiterà le premiazioni del Trofeo A112 Abarth Yokohama 2018. L’evento si terrà sabato 27 ottobre alle 16.30 presso lo stand dell’Automobile Club d’Italia (padiglione 3).
Giunta alla nona edizione, la serie organizzata dal Team Bassano e riconosciuta da Aci Sport ha confermato il successo di una formula che permette di correre a costi contenuti in gare dove le piccole Autobianchi si mettono in evidenza ingaggiando avvincenti sfide sul filo dei decimi di secondo, come avvenuto nell’ultimo appuntamento all’Isola d’Elba, che ha decretato i vincitori assoluti dopo gli ultimi chilometri: Raffaele Scalabrin ed Enrico Fantinato, che hanno preceduto Filippo Fiora e Carola Beretta e i campioni uscenti Luigi Battistel e Denis Rech.

martedì 29 novembre 2016

Sisani-Pollini primi al Tuscan tra le A112

Sisani-Pollini al Tuscan Rewind Historic 2016


Per il secondo anno consecutivo, il Tuscan Rewind Historic ha messo in palio la Coppa A112 Abarth Terra tra gli equipaggi iscritti al Trofeo A112 Abarth Yokohama. All'appello si sono presentati cinque equipaggi per sfidarsi sulle strade bianche di Montalcino, ma la gara ha visto il monologo di Giorgio Sisani e Cristian Pollini che hanno messo la loro firma sulle nove speciali disputate, infliggendo pesanti distacchi agli avversari e confermandosi velocissimi sui fondi sterrati (sedicesimi assoluti nella classifica generale del rally).
Sul secondo gradino del podio Francesco Mearini e Massimo Acciai, seguiti da Cristiano De Rossi e Maurizio Palazzo, alla prima esperienza su questo fondo. "Prima volta" anche per Lisa Meggiarin con la giovane Marsha Zanet: per il duo rosa quarta posizione in classifica davanti ad Amerigo Salomoni e Giovanni Vanti.